Perfetto


Stavo ascoltando un pezzo al pianoforte e mi sono completamente persa.

Ero qui al tavolo della mia cucina a correggere quel maledetto racconto che non diverrà mai romanzo e mi sono persa. Mi sono totalmente arresa e mi sono fatta trascinare via, leggera come una piuma, con la mente libera.

La musica – come ogni altra forma d’arte – è potente e aggressiva, perchè conosce la strada giusta per invaderci, ha il pass e non ci pensa proprio a chiedere il permesso per entrarci dentro.

Fa vibrare le corde più intime del nostro animo, creando associazioni continue tra ciò che ascoltiamo e ciò che sentiamo con le viscere, dentro la pancia, o ripescando affinità già esistenti tra le note e le nostre emozioni più profonde. Quando queste si incontrano si fondono una dentro l’altra dando vita ad un’unica tensione di cui siamo parte e che, al tempo stesso, è parte di noi. Vi è mai capitato di sentirvi meglio dopo aver ascoltato quel brano, di aver preceduto con la mente quel passaggio che vi tocca dentro ed una volta ascoltato, sentirvi liberati? Io credo che ogni volta che ascoltiamo un pezzo che non solo ci piace, ma ci riempie da dentro, ci alimenta, siamo un pò meglio di prima, perchè un segmento buono di noi si è legato a quella sequenza di note, a quel passaggio perfetto, e si è elevato.

La musica è avvolgente come l’abbraccio di una madre, la musica – come tale – non ti tradisce mai. Mantiene sempre ciò che promette e ogni volta che ti si para davanti, è nota e nuova allo stesso tempo. La riconosci ma la scopri ancora, e ancora, e ancora. Ed è questo il bello, che una volta trovato il passaggio perfetto, non te ne separi mai.

La musica è l’uomo o la donna della tua vita, sa di cosa hai bisogno e te lo mette a disposizione senza volere nulla in cambio, pronto a ripetere quel gesto infinite volte.

E’ l’amante che ti sfiora, la mano che ti accarezza la nuca e ti fa vibrare il sangue.

E’ la mano sulla spalla che ti consola quando piangi, offrendoti catarsi.

E’ liberazione, è impeto, è resurrezione.

In una parola sola, perfezione.

Annunci

3 commenti

  1. La musica è perfezione, è vero, soprattutto quando quell’insieme di note coincidono con l’emozione che si vive in un determinato momento. Il giorno dopo l’incanto delle stesse note potrebbe ‘incrinarsi, ma fortunatamente, voilà!, eccone spuntare altre e si rinnova la magia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...